Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Decreto Lavoro: cosa cambia

239

Egregi Lettori ,

IL 18.08.2023, l’INPS ha pubblicato, il “Decreto Lavoro: cosa cambia”, un dossier nel quale sono illustrate le novità  in materia di lavoro e di sostegno alla formazione e all’inclusione, introdotte dal decreto-legge 4 maggio 2023, n. 48.

Il Decreto Lavoro rivede le politiche di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, prevede inoltre, anche una nuova disciplina per la formazione e per l’accesso al mondo del lavoro.

In questo dossier sono presenti le seguenti informazioni:

  • Assegno di Inclusione: si può fruire di incentivi all’assunzione per i beneficiari per un periodo massimo di 12 mesi. E’ previsto l’esonero dal versamento del 100% dei complessivi contributi previdenziali a proprio carico, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’ Inail, nel limite massimo di importo pari a 8.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile, qualora assumano i beneficiari dell’ADI con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, pieno o parziale; con contratto di apprendistato; per le trasformazioni di contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato nel limite massimo di 24 mesi – inclusi i periodi di esonero già fruiti.
  • Supporto per la Formazione e il lavoro: può essere richiesto dai componenti dei nuclei familiari che abbiamo specifici requisiti di età e di reddito ed è incompatibile con il Reddito e la Pensione di Cittadinanza e con ogni altro strumento pubblico di integrazione o di sostegno al reddito per la disoccupazione.
  • Reddito di Cittadinanza: stesse previsioni di prima.
  • Maggiorazione dell’Assegno unico e universale: uguale a  30 euro per nuclei familiari con ISEE pari o inferiore a 15.000 euro che si riducono gradualmente fino ad annullarsi con ISEE pari o superiore a 40.000 euro.
  • Politiche del lavoro per i giovani: è stato stabilito un incentivo pari al 60% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali ai datori di lavoro che effettuino, tra il 1° giugno ed il 31 dicembre dell’anno 2023, nuove assunzioni a tempo indeterminato, ivi inclusi i rapporti di apprendistato professionalizzante, di giovani che alla data dell’assunzione non abbiano compiuto il 30° anno di età; che non lavorino e non siano inseriti in corsi di studi o di formazione (“NEET”); che siano registrati al Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani”. Perché l’incentivo sia riconosciuto, le condizioni devono ricorrere congiuntamente.
  • CIG in deroga per crisi e riorganizzazione: è previsto un trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga per eccezionali cause di crisi aziendale e riorganizzazione, su domanda dell’azienda e autorizzazione ministeriale, a copertura dell’arco temporale che va dal 1° ottobre 2022 al 31 dicembre 2023, anche qualora si trovi in stato di liquidazione, per salvaguardare i livelli occupazionali e il patrimonio di competenze acquisito dai lavoratori dipendenti coinvolti, in merito a situazioni di crisi aziendali per le quali non è stato possibile completare il programma di recupero in ragione di una prolungata indisponibilità dei locali aziendali, per cause non imputabili al datore di lavoro.
  • Esonero parziale dei contributi previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti: per i periodi di paga dal 1° luglio 2023 al 31 dicembre 2023 l’esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore previsto dall’articolo 1, comma 281, della L. n. 197/2022 è incrementato di 4 punti percentuali. È esclusa la 13ª mensilità.

 

Si ricorda che tra i percettori dell’ADI sono anche inclusi i soggetti che possono svolgere lavoro occasionale in agricoltura e che viene stabilita una detassazione del lavoro notturno e del lavoro straordinario effettuato nei giorni festivi per dipendenti di strutture turistico-alberghiere nel periodo 1° giugno-21 settembre 2023 con reddito fino a 40 mila euro nel 2022.

 

Si rimane a disposizione.

Cordiali saluti

 

Comments are closed.