Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Vivilasanità – Le iniziative che AFORP e FIFO hanno promosso per contrastare una norma ingiusta

373

Vivilasanità – Le iniziative che AFORP e FIFO hanno promosso per contrastare una norma ingiusta

 

I percorsi, le azioni per sostenere il comparto sanità

 

Impegno continuo e incessante in difesa delle Piccole e Medie Imprese

 

Quali sono stati i percorsi, le azioni, le iniziative che AFORP e FIFO hanno promosso sia a livello nazionale che regionale per contrastare la norma ingiusta del payback dispositivi medici, che rischia di mettere in difficoltà e addirittura potrebbe causare la chiusura di tantissime piccole e medie imprese?

Le azioni promosse sul campo ad ogni livello istituzionale sono state coordinate e promosse dalla Presidente AFORP Grazia Guida, dal Consiglio Direttivo e dal Collegio dei Probiviri in sintonia con la Federazione Italiana e rappresentano l’impegno continuo e incessante dell’associazione in difesa delle imprese coinvolte nel payback. Qui riportiamo la cronistoria di tutte le attività più significative svolte a difesa del comparto, delle imprese e dei lavoratori dipendenti dalle nostre aziende.

 

Ecco le tappe più significative delle attività e delle azioni che  AFORP e FIFO che hanno svolto per sostenere le imprese nella difficile vertenza sul payback.

– in data 11 Agosto 2022 seduta straordinaria dei Presidenti di Regione accreditati FIFO/Confcommercio Imprese per l’Italia tra cui AFORP a seguito del decreto (GU Serie Generale n.185 del 09-08-2022). Entrata in vigore del provvedimento: 09/08/2022. La riunione pone in essere le criticità a carico dei fornitori in merito all’applicazione dopo l’entrata in vigore di detto decreto;

– in data 23 Agosto 2022 viene diffuso il primo comunicato stampa in cui si denuncia che il payback è fortemente vessatorio e sono a rischio le imprese e migliaia di posti di lavoro;

– in data 10 Settembre 2022 sia FIFO che AFORP si affidano rispettivamente ai consulenti legali Favale e Dentamaro per sostenere le imprese nella difficile vertenza payback;

– in data 7 Novembre 2022 audizione in Commissione sanità della Regione Puglia in cui viene esposta la criticità del payback;

in data 29 Novembre 2022 incontro a Roma con la partecipazione del Presidente AFORP Grazia Guida e del Presidente FIFO Sanità Massimo Riem con l’On. Ugo Cappellacci (Presidente della XII Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera dei Deputati) e il Sen. Ignazio Zullo (Capogruppo Fratelli D’Italia in Commissione Sanità del Senato): si chiede la proroga e l’abrogazione della norma sul payback;

– in data 12 Dicembre la Regione Puglia emette le note di pagamento sul payback dispositivi medici;

 

– in data 13 Dicembre 2022 incontro tra delegazione AFORP   e il Dott. Rocco Palese, Assessore per le Politiche della Salute – Regione Puglia e il Dott. Vito Montanaro – Direttore Dipartimento Promozione Salute – Regione Puglia sul payback;

 

– in data 14 Dicembre 2022 riunione associativa con la partecipazione straordinaria di tantissimi associati sul payback con intervento dell’Avv. Nicola Dentamaro (Consulente legale) e del Dott. Giovanni Rosso (Consulente finanziario).

 

– in data 30 Dicembre 2022 la nostra Associazione aderente a FIFO Confcommercio Imprese per l’Italia e la nostra Presidente che è componente FIFO,  informa sulla  dichiarazione congiunta  di Confindustria DM e Confcommercio FIFO, a riprova che la criticità sul payback, vede per la prima volta nella storia,  le più importanti rappresentanze del nostro settore, condividere un comune  percorso a difesa delle imprese della sanità. 

 

– in data 3 Gennaio 2023, su indicazione del Presidente AFORP Grazia Guida, il Presidente FIFO Massimo Riem invia comunicazione via PEC al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano con cui si chiede alla stessa regione, in autotutela, dall’astenersi dalla compensazione dei crediti e/o dal recupero forzoso delle somme in questione, nelle more della definizione dei giudizi pendenti anche al fine di permettere al TAR di esprimersi;

 

– in data 4 Gennaio 2023 FIFO ed AFORP promuovono webinar sugli ultimi sviluppi in merito alla vicenda Payback sui dispositivi medici e su come fronteggiare le richieste delle regioni e su quali potrebbero essere le ultime possibili azioni da parte delle pmi. Partecipano numerose imprese associate AFORP.  Intervengono Massimo Riem Presidente FIFO, Grazia Guida (Presidente AFORP), l’Avv. Antonella Favale (Consulente Legale di FIFO) e l’Avv. Nicola Dentamaro (Consulente Legale di AFORP).

– in data 10 Gennaio 2023 il Governo approva un decreto legge che concede la proroga al 30 aprile 2023;

– in data 13 Gennaio 2023 incontro a Bari di AFORP sul payback con  l’On. Marcello Gemmato (Sottosegretario alla Salute);

 

– in data 24 Gennaio 2023 una delegazione AFORP formata dal Presidente Grazia Guida e da alcuni componenti del Consiglio Direttivo incontra a Roma presso Palazzo Madama il Sen. Francesco Zaffini (Presidente della Commissione Affari Sociali e Sanità del Senato) e il Sen. Ignazio Zullo (Capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione). Partecipa Massimo Riem (Presidente di FIFO Sanità);

 

– in data 27 Gennaio 2023 una delegazione AFORP formata da Oreste Iavazzo (Segretario Generale AFORP) e Giovanni Bilancia (Rappresentante Regione Basilicata) partecipa a Roma ad un incontro istituzionale con On.li Ylenja Lucaselli e Luciano Ciocchetti con delegati FIFO tra cui è presente il Presidente FIFO Sanità Massimo Riem;

 

– in data 10 Febbraio 2023 l’Avv. Nicola Dentamaro invia comunicazione ai ricorsisti associati AFORP con cui comunica che la Regione Puglia ha modificato gli importi alle imprese fornitrici rispetto alla prima nota di pagamento;

 

– in data 3 Marzo 2023 una delegazione AFORP incontra a Bari presso la Facoltà di Giurisprudenza l’On. Ylenja Lucaselli (Capogruppo Fratelli D’Italia in Commissione Bilancio della Camera) che sottopone alla parlamentare le forti criticità del payback;

 

– in data 8 Marzo 2023 il Presidente AFORP Grazia Guida invia una lettera aperta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla centralità del lavoro e il payback, in occasione della giornata internazionale della donna;

– in data 13 Marzo l’AFORP riunisce tutti gli associati sulla criticità del payback;

 – in data 20 Marzo la Presidenza AFORP chiede incontri istituzionali con l’on. Ylenja Lucaselli (Capogruppo Fratelli D’Italia in Commissione Bilancio della Camera) e con il Sen. Francesco Zaffini (Presidente della Commissione Affari Sociali e Sanità del Senato) sempre sulla criticità payback;

 

– in data 23 Marzo la Presidenza AFORP incontra a Roma l’on. Ylenja Lucaselli (Capogruppo Fratelli D’Italia in Commissione Bilancio della Camera);

– in data 28 Marzo Il Consiglio dei Ministri istituisce un fondo da 1.085 milioni per limitare l’impatto dei 2,2 miliardi di payback previsti a carico delle imprese produttrici di dispositivi medici;

– in data 29 Marzo FIFO e AFORP diffondono comunicato: 1 miliardo non basta, distrugge lo stesso le Piccole e Medie Imprese;

– in data 1° Aprile la Presidenza AFORP invia comunicazione al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, all’Assessore alla salute Rocco Palese con cui si comunica la grave situazione in cui si troverebbero comunque le imprese in caso di applicazione dello sconto al 50% e si chiede di intervenire;

– in data 3 Aprile la Presidenza AFORP chiede con una lettera richiesta di audizione al Presidente della Commissione Finanze della Camera On. Marco Osnato;

– in data 14 Aprile il Presidente FIFO Massimo Riem interviene in audizione alle commissioni Finanze e Affari sociali della Camera dei Deputati;

– in data 14 Aprile il Presidente AFORP Grazia Guida  con l’Avvocato Nicola Dentamaro partecipano alla seguitissima trasmissione di Telenorba “Il Graffio”. Conduce il Direttore del Tgnorba Enzo Magistà. Intervengono: Marcello Gemmato (Sottosegretario di stato alla Salute) e Vito Montanaro (Direttore de Dipartimento salute Regione Puglia);

– in data 15 Aprile il Presidente FIFO chiede audizione presso il ministro dell’Economia e Finanze Giorgetti;

– in data 17 Aprile una foltissima rappresentanza di associati AFORP guidata dal Presidente Grazia Guida e dal Presidente dei Probiviri Giovanni Spagnoletta partecipano alla manifestazione di sciopero a Roma con bandiere e striscioni;

– in data 22 Aprile grazie alle azioni attivate da AFORP e da FIFO da tutti i gruppi parlamentari sono proposti emendamenti al decreto bollette con cui si chiede la salvaguardia delle Piccole e Medie imprese;

– in data 18 maggio il Governo sul decreto bollette pone la fiducia. Tutti gli emendamenti proposti sia dalla maggioranza che dall’opposizione sono bocciati perché non c’è la copertura finanziaria;

– in data 19 maggio FIFO invia lettera a tutti parlamentari per richiamarli alla responsabilità sulla criticità del payback che farebbe fallire tantissime piccole e medie imprese;

– in data 30 Maggio una delegazione AFORP incontra il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, l’Assessore alla Salute Rocco Palese e il Direttore del Dipartimento Vito Montanaro. Si conviene che sull’opportunità di coinvolgere la Conferenza delle Regioni;

– in data 5 Giugno FIFO ed AFORP chiedono audizione al Presidente della Conferenza delle Regioni Fedriga;

– in data 7 Giugno la Presidenza AFORP incontra a Roma l’On. Lucaselli e sottopone le criticità sulla difficile applicabilità del decreto bollette;

in data 14 Giugno FIFO e le rappresentanze delle categorie professionali sono convocate a Roma per un incontro presso l’ufficio legislativo del MEF;

– in data 22 Giugno la Camera dei deputati approva la proroga al 31 luglio 2023;

 

 – in data 26 Luglio il Consiglio dei Ministri approva la norma che proroga al 30 Ottobre la scadenza del payback.

 

Comments are closed.