Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Sistema d’allarme aziendali, rispetto della procedura di garanzia prevista dallo Statuto dei lavoratori e dal Codice privacy

324

Egregi Lettori ,

il Garante per la protezione dei dati personali, ha sanzionato un’azienda per aver installato un sistema di allarme la cui attivazione e disattivazione si basava sull’uso delle impronte digitali, un impianto di videosorveglianza e un applicativo per la geolocalizzazione di alcuni lavoratori.

Ricordiamo che tutti gli adempimenti vanno posti in essere, nel rispetto della procedura di garanzia prevista dallo Statuto dei lavoratori e dal Codice privacy.

Tale rispetto,  costituisce un requisito essenziale per la correttezza dei trattamenti dei dati personali dei lavoratori in azienda.

il Garante, pertanto, ha riscontrato le seguenti irregolarità: con riferimento al sistema di videosorveglianza, è stato accertato che lo stesso, oltre alle riprese delle immagini in diretta, era in grado di captare anche i suoni ed effettuare registrazioni, consentendo al legale rappresentante della società di potervi accedere con uno smartphone e di ammonire verbalmente gli interessati, attraverso le casse dell’impianto.

Per quanto attiene al sistema di geolocalizzazione, l’applicativo tracciava con il GPS, la posizione del dipendente nel corso della propria attività, data e ora del rilevamento, controllando così il lavoratore.

Di regola, l’ installazione di un sistema di allarme la cui attivazione e disattivazione, basata sul trattamento dei dati biometrici (impronte digitali) di molti dipendenti, è  vietato.

Mentre, è consentito, per i trattamenti effettuati nell’ambito del rapporto di lavoro, se il trattamento sia necessario per assolvere gli obblighi ed esercitare i diritti del titolare del trattamento o dell’interessato e sia previsto da una disposizione normativa, circostanze non rinvenibili nel caso di specie. Inoltre, il trattamento dei dati effettuato attraverso il sistema di videosorveglianza e quello di localizzazione erano effettuati senza che i lavoratori avessero ricevuto un’adeguata informativa e fossero state attivate le procedure di garanzia previste dallo Statuto dei lavoratori (si pensi ad un accordo sindacale o, in alternativa , all’autorizzazione dell’Ispettorato del lavoro).

Per quanto riguarda la videosorveglianza è stata rilevata anche l’assenza di cartelli informativi in loco. Oltre al pagamento della sanzione, il Garante ha disposto il divieto del trattamento dei dati raccolti mediante il sistema di videosorveglianza e il monitoraggio continuo della posizione del lavoratore.

Si rimane a disposizione.

Cordiali saluti

 

Comments are closed.