Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Retribuzione Medici del Ssr del Veneto, Anaao Assomed: Scarsa trasparenza dei dati forniti da Azienda Zero

 

 

L’Anaao Assomed smentisce “categoricamente” quanto affermato da Azienda Zero (e dalla Regione).

La Segreteria Regionale Anaao Assomed del Veneto interviene nella polemica sulle retribuzioni annue dei medici veneti e smentisce “categoricamente quanto affermato da Azienda Zero (e dalla Regione) in materia”. «Vengono riferiti ai media – spiega Adriano Benazzato, Segretario Regionale Anaao Assomed del Veneto- dati relativi all’anno 2017 sulle retribuzioni annue dei medici del Veneto senza fornire alcuna prova od evidenza dei dati e della metodologia utilizzata ed applicata che dimostri inequivocabilmente quanto dichiarato ai media da Azienda Zero. Troppo facile e non accettabile.

Scarsa la trasparenza». «Personalmente in qualità di Dirigente Medico Responsabile di Struttura Semplice – precisa Benazzato – ho percepito nel 2018, come la maggior parte dei miei colleghi molto meno di quanto affermato da Azienda Zero, più precisamente 72.817,73 euro lordi (imponibile).

Questa è una prova verificabile da chiunque sul sito web della Azienda Ulss 6 Euganea, come del resto sono verificabili anche tutti gli stipendi dei medici delle aziende sanitarie del Veneto poiché pubblicati sui rispettivi siti web aziendali. I medici italiani del Ssn sono tra i meno retribuiti in Europa. Gli stipendi dei medici, come si sa, variano da regione a regione, senza alcun gradiente nord-sud. In sostanza in alcune regioni conviene meno andare a lavorare. I dati più recenti in materia purtroppo risalgono al 2013 e sono inclusi in uno studio condotto da Stem su dati Agenas. Le differenze regionali – evidenzia il segretario – saltano subito all’occhio: un dirigente medico costa mediamente 226 mila euro a Bolzano, 143 mila a Trento, 123 mila in Valle d’Aosta e 102 mila euro in Sardegna, 105 mila euro in Toscana e 107 mila euro in Umbria.

Lasciando da parte Bolzano, un dirigente medico in Umbria costa alla sua regione oltre 30 mila euro in meno rispetto a un collega di Trento. E in Veneto? Per comprendere come stanno le cose – conclude Benazzato – è sufficiente riportare quanto dichiarato dal governatore Zaia e riportato nel comunicato stampa della Regione Veneto n 1511 del 05.11.2015 dal titolo eloquente, che si allega, in merito al costo del personale in Veneto, “SANITA’: ZAIA A RENZI, “ECCO UN COSTO STANDARD, IN VENETO IL MINOR COSTO DEL PERSONALE D’ITALIA. QUI RASCHIATO IL FONDO DEL BARILE”».