Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Verso una nuova strategia sanitaria globale dell’Ue

77
Kyriakides e Urpilainen: dobbiamo migliorare i sistemi sanitari in modo che possano prevenire e rispondere in modo più efficace alle minacce per la salute globale

Oggi, in occasione della riunione ministeriale dello sviluppo e della salute del G7, i commissari Kyriakides e Urpilainen hanno annunciato l’avvio dei lavori su una nuova strategia globale dell’Ue in materia di salute. “La pandemia di Covid-19 – sostengono i due commissari in una dichiarazione congiunta – ha dimostrato l’insopportabile costo umano e il pesante impatto economico delle debolezze della nostra architettura sanitaria globale. Ha invertito decenni di progressi nella salute globale, ha approfondito le disuguaglianze e si è aggiunto alle sfide di altre pandemie come l’HIV, la malaria, la tubercolosi o la resistenza antimicrobica, e quelle del cambiamento climatico, della geopolitica e della rivoluzione digitale.

Le lezioni devono essere apprese e dobbiamo rimettere in carreggiata gli obiettivi di sviluppo sostenibile. La salute è la base per società resilienti, eguali e giuste, ma i virus non conoscono confini. Per garantire la salute che tutti i nostri cittadini meritano, dobbiamo affrontare la salute a livello globale e dobbiamo farlo insieme. Questo è ciò che i nostri cittadini e partner si aspettano: un’azione solida per salvaguardare la loro salute, un’azione radicata nei valori universali dei diritti umani, dell’equità, della solidarietà e della cooperazione.

Agiremo, sulla base di una nuova strategia sanitaria globale di grande impatto nell’ambito del Global Gateway: dobbiamo migliorare i sistemi sanitari- proseguono Kyriakides e Urpilainen – in modo che possano prevenire e rispondere in modo più efficace alle minacce per la salute globale, nonché affrontare tutte le malattie infettive e non trasmissibili malattie. Dobbiamo affrontare le disuguaglianze e avanzare verso la copertura sanitaria universale. Dobbiamo avere solide partnership sanitarie strategiche con altre regioni del mondo. Dobbiamo rafforzare le capacità di produzione sanitaria locale, in Africa e oltre. E dobbiamo mettere l’approccio One Health al centro della nostra azione, riconoscendo la connessione intrinseca tra la salute delle persone, degli animali, delle piante e del loro ambiente condiviso. Oggi, alla riunione ministeriale della Salute del G7, chiediamo a tutte le parti interessate di unirsi a noi nello sviluppo e nell’attuazione insieme di questa nuova strategia globale dell’Ue per la salute”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.