Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Conto alla rovescia per le piccole e medie imprese della sanità per la scadenza del payback

427

Grazia Guida, Presidente AFORP, a pochi giorni dalla scadenza del payback ha rilasciato la seguente dichiarazione:

 

“Conto alla rovescia per le piccole e medie imprese della sanità per la scadenza al 30 ottobre 2023 del payback. Tra le nostre imprese si coglie forte il disagio e la preoccupazione, per il silenzio quasi assordante dei livelli istituzionali, che dopo la presentazione della legge di bilancio, non si intravede all’orizzonte  nessuna ipotesi di soluzione. Le nostre imprese con famiglie e dipendenti stanno vivendo un clima surreale di angosciosa attesa, con gravi conseguenze sul futuro del comparto della sanità e sulla fornitura di Beni e servizi.

Molte imprese potrebbero non farcela a restare sul mercato e chiudere battenti. È arrivato il tempo di prendere decisioni forti, perché il temporeggiare e il continuare a tenere a galla una legge iniqua, ingiusta e vessatoria sta generando malcontento e delusione tra tutte le imprese. Non è tollerabile che si tenga sulla graticola le imprese, le famiglie e i dipendenti e si metta a rischio la tenuta del Sistema sanitario nazionale e di quelli regionali. Abbiamo chiesto un incontro ufficiale alla Presidente del Consiglio dei Ministri on. Giorgia Meloni, ma fino ad oggi non abbiamo avuto risposta. Le nostre imprese non possono finire nella polvere per decisioni prese da una classe governativa e politica disattenta e distratta sia in termini di entrate fiscali che di ammortizzatori sociali a cui andremmo incontro. Costo su costo.  Ovvero pagare debiti non contratti dalle imprese ma dalle regioni e anche perché si è tenuto il tetto di spesa al di sotto del 4.4%, generando un vero e proprio caos nel nostro settore.

E non potremmo giustificare che alla mancata risposta delle forze di governo, fosse la magistratura amministrativa a supplire ad una carenza di decisioni“.

Comments are closed.