Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

VENDOLA NOMINA IL NUOVO ESECUTIVO. TOMMASO FIORE RICONFERMATO ALLA SANITA’.

569
 Mostra immagine a dimensione intera

 Nove veterani e cinque reclute costituiranno il nuovo esercito del governatore Vendola.
Largo alle donne, innanzi tutto: saranno sette. E sette saranno gli uomini. La “golden lady” sarà Marida Dentamaro, vicepresidente. Avvocato amministrativista, messa alla porta come vicesindaco da Michele Emiliano quando era una parlamentare dell’Udeur di Clemente Mastella, adesso la Dentamaro milita nel Pd e strizza l’occhio a D’Alema, con cui intrattiene cordiali rapporti dai tempi della Bicamerale, la commissione per le riforme costituzionali istituita nel 1997 presieduta proprio dal lìder Massimo.
Pronte a vestire i panni delle “novizie” anche Alba Sasso e Maria Campese, rispettivamente una ex parlamentare e una ex assessore comunale a Barletta. La prima, targata Sinistra e libertà, dovrebbe guidare l’assessorato per il Diritto allo studio e la Formazione professionale; la seconda, Rifondazione comunista, il Turismo. Le altre due new entry sono: il magistrato Lorenzo Nicastro (Ambiente) e  Nicola Fratoianni, giovanotto toscano trapiantato da queste parti dal 15 settembre 2004, a cui sarà affidato il ruolo di assessore alla Presidenza, è l’unico “straniero” della giunta, ma soprattutto il consigliere politico di Vendola.
I nove confermati dell’esecutivo non hanno bisogno di presentazioni: sono i baresi Angela Barbanente (Urbanistica), Tommaso Fiore (Salute), Silvia Godelli (Cultura), Guglielmo Minervini (Trasporti), i salentini Loredana Capone (Sviluppo economico) e Dario Stefàno (Agricoltura), il fasanese Fabiano Amati (Opere pubbliche), la cerignolana Elena Gentile (Servizi sociali), il tarantino Michele Pelillo (Bilancio). Restano fuori squadra il socialista Onofrio Introna, che veleggia verso la presidenza dell’Assemblea, il riformista Mario Loizzo e il comunista Michele Losappio, destinati ad essere i capigruppo di Pd e Sel, l’economista Gianfranco Viesti e Magda Terrevoli (Verdi).

Comments are closed.