Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Lettera aperta al mio Stato di Grazia Guida, Presidente AFORP

133

Carissimi Colleghi,

in tutti questi giorni ho scritto la pagina del silenzio. In qualità di Presidente, che poco ha a che fare con le campagne elettorali se pur democratiche e giuste, ho preferito il fare e non partecipare ad una soap opera; che come cittadino ho inteso avere rispetto delle istituzioni per la funzione ricoperta. In questo momento storico dove chi lavora e fa impresa porta e deve portare pacatezza, etica e concretezza, in una congiuntura dove i venti di guerra, l’aumento delle materie prime e il corto circuito di una sanità ancorata a vecchi modelli di ripiano, bisogna rivedere le modalità applicative, dove tutti in buona fede cercano e devono assolvere alla chiamata della salute, bene primo di vita, di civiltà, di altruismo, di scienza e coscienza.

Sì !!! Il Payback e’ sbagliato nell’essere !!! Posto in modo scriteriato, convulso e aggressivo.

Ma dico, le soluzioni non si trovano offendendo, accusando e imprecando. Chi come me, nata in una generazione di servitori dello Stato che hanno dato la propria vita, condivide  la mia affermazione di non fare fazione, ma tutela e la tutela si fa ponderando il danno  delle parole usate senza capire !!!

L’onda di ritorno economico finanziaria, la responsabilità del fare, devono essere richiamo di pacatezza e fermezza !

Il nostro lavoro unico e entusiasmante ci fa sentire utili !

Convinta che mai vorremmo sentirci responsabili della mancanza di un presidio di vita perché quella vita potrebbe essere la nostra o di un nostro caro !

Operando in questi 40 anni siamo e saremo sempre autorevoli nel rispetto delle norme dello Stato e ogni volta nello scrivere e nel fare ci poniamo con tutti i componenti statutari nella condizione di essere per tutti e di agire nell’interesse di tutti.

Ora aggiungo che tutti i miei predecessori sono stati questo e mi permetto di ricordare due ad esempio su tutti, Vittorio Carabellese e Giuseppe Iavazzo.

Tanto dovevamo.

La Vita è un bene comune e il nostro lavoro un lavoro speciale !

Non spegnete le aziende !!!!!

Grazie

Lettera aperta al mio Stato.

 

 

 

Comments are closed.