Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Una forte spinta in tre direzioni

75

 

Il Pnrr, nell’ambito della Missione 6 Salute, prevede quattro tipi di riforma che toccano le tre grandi aree dei servizi sanitari: ospedaliera, territoriale e prevenzione. La riforma degli Irccs, rappresenta il collegamento tra l’obiettivo dell’innovazione nel campo della salute e la ricerca sanitaria

di Paola Binetti
(Panorama Sanità) – L’obiettivo della riforma è rafforzare il rapporto tra ricerca, innovazione e cure sanitarie, attraverso la revisione e l’aggiornamento dell’assetto regolamentare e del regime giuridico degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (Irccs) e delle politiche di ricerca di
competenza del Ministero della salute. La riforma mira a rendere gli Irccs sempre più capaci di portare l’innovazione terapeutica ai pazienti, facilitando lo scambio di competenze specialistiche tra gli Irccs e le altre strutture del Ssn, introducendo modifiche al decreto legislativo 288
che risale a venti anni fa.
Gli Irccs sono enti a rilevanza nazionale, dotati di autonomia e personalità giuridica, che, secondo standard di eccellenza, perseguono finalità di ricerca, relativa prevalentemente alle applicazioni cliniche, nel campo biomedico e in quello dell’organizzazione e gestione dei servizi sanitari, ed effettuano prestazioni di ricovero e cura di alta specialità. La “Delega al Governo per il riordino della disciplina degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, di cui al decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288”, è stata approvata al Senato il 27 luglio scorso, dopo essere passata in prima lettura dalla Camera dei deputati il 25 maggio 2022.
Si tratta di un disegno di legge di iniziativa governativa, che rappresenta un “collegato alla manovra di finanza pubblica”. Il Pnrr prevede che la legge, con cui sarà elaborato il Piano di revisione degli Irccs, entri in vigore entro la fine dell’anno 2022 e richiede l’adozione di uno o più decreti legislativi, entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge.
La disciplina vigente sugli Irccs è in larga misura contenuta dal D.Lgs. 16 ottobre 2003, n. 288, che riguarda sia gli Irccs di diritto pubblico, compresi quelli successivamente trasformati in fondazioni di diritto pubblico, sia quelli di diritto privato. Alcune norme si riferiscono solo agli Ircss di diritto pubblico, perché per quelli di diritto privato vale il principio dell’autonomia giuridico-amministrativa, come prevede l’articolo 12, comma 1, dello stesso D.Lgs.

Comments are closed.