Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Ue, Paolo Gentiloni nuovo commissario all’Economia

Paolo Gentiloni - Presidente del Consiglio

L’ex presidente del Consiglio italiano ottiene una delega di peso nell’esecutivo guidato da von der Leyen, subentrando al francese Pierre Moscovici. Un ruolo chiave per la revisione del Patto di stabilità

L’ex presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni è stato nominato commissario agli Affari economici e monetari nel nuovo esecutivo di Ursula von der Leyen, ruolo che ora verrà definito «responsabile economia».

 

La neopresidente della Commissione ha svelato i portafogli assegnati ai 26 candidati indicati dagli Stati membri (27 con la stessa von der Leyen in rappresentanza della Germania) dopo le elezioni europee dello scorso maggio.

 

Gentiloni succede al francese Pierre Moscovici e dovrebbe ricoprire un ruolo di primo piano nella (eventuale) revisione del Patto di stabilità che disciplina i conti europei.

 

È il primo collegio che si forma senza il Regno Unito, in attesa del processo di Brexit che dovrebbe essere finalizzato il 31 ottobre. La squadra conta un totale di otto vicepresidenti, configurandosi con una fisionomia diversa da quella dei precedenti esecutivi comunitari.

 

Vestager confermata alla Concorrenza, Hogan al Commercio
Nella rosa svelata da von der Leyen alla stampa ci sono alcune sorprese. Margrethe Vestager, già commissaria alla Concorrenza nella squadra di Juncker, ottiene la vicepresidenza con delega al digitale ma mantiene il suo ruolo come responsabile della competizione su scala comunitaria.

 

Al Commercio va Philip Hogan, irlandese e già commissario all’Agricoltura nell’esecutivo in uscita.

L’olandese Frans Timmermans viene confermato nella carica prospettata dai rumor e diventa vice-numero uno dell’esecutivo con responsabilità per il «Green new deal» e la sostenibilità ambientale. La francese Silvye Goulard, vicegovernatrice della Banca di Francia e vicina al presidente Emmanuel Macron, va all’Industria.