Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Sanità, Manca: “Il ministro Grillo se vuole fare propaganda elettorale incontri i suoi consiglieri regionali del M5S in una sede di partito, non al Ministero!

Luigi Manca - Vice-Presidente Commissione Sanità

Indignato per l’incontro di ieri a Roma il vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Direzione Italia, Luigi Manca.

 

“Ora è chiaro che ‘uno vale uno’ solo sei un esponente del Movimento 5 Stelle, questa è l’ennesima delusione da parte di un partito che pensa di essere diverso dagli altri ma è peggio degli altri.

 

Circa un anno fa ho personalmente e privatamente scritto al Ministro della Salute, Giulia Grillo, per chiederle un incontro.

Era il periodo nel quale lei stessa parlava di abolizione del test di accesso a Medicina e volevo supporle, in un clima di collaborazione istituzionale, una soluzione anche sulle Scuole di Specializzazione che avevo già proposto (ricevuto) all’allora ministro Beatrice Lorenzin.

La Grillo non ha mai risposto neppure alle mail che le ho inviato al suo Ministero, né su questo argomento né ad altri miei appelli sulla situazione della Sanità pugliese e, perciò, leggere che ieri sono stati ricevuti al Ministero della Sanità, dalla Grillo, i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che fanno parte delle Commissioni Sanità regionali mi ha dato il quadro preciso di come viene gestito il Ministero della Sanità!

 

Ho letto che sono stati affrontati alcuni temi tra cui quello delle liste d’attesa, quello sui vaccini e sulla cannabis light, non so a quali soluzioni siano giunti.

Mi spiace, però, che la sede del Ministero venga usata per un incontro di partito.

Al Ministero, il ministro se proprio vuole affrontare quei problemi convochi tutt’al più i presidenti delle Commissioni Sanità delle Regioni e i suoi vice (così comunque sarà presente anche la voce dell’opposizione al governo regionale), altrimenti per i futuri incontri vada in un’altra sede a incontrare i suoi consiglieri regionali perché quelle non sono riunioni istituzionali, sono riunioni di partito in vista delle elezioni regionali e francamente la Sanità italiana non ha bisogno di campagna elettorale a spese e sulla pelle degli italiani!”.