Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Nuovo ospedale del Sud Salento, Emiliano: stiamo lavorando per avere infrastrutture ospedaliere moderne e sicure

“Il nuovo Ospedale del Sud Salento sorgerà con i più avanzati metodi costruttivi e con l’impiego di tecnologie all’avanguardia.

 

Del resto lo abbiamo sempre detto. Costruire un nuovo ospedale ha un valore strategico, in termini sanitari, infrastrutturali ma anche economici, e si basa sull’analisi puntuale di costi e benefici”.

 

Sono queste le parole del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che questo pomeriggio alle 17.00 sarà a Maglie per partecipare al Consiglio comunale monotematico, aperto alla cittadinanza convocato dal Sindaco della città, Ernesto Toma per approfondire il progetto sul nuovo Ospedale del Sud Salento.

 

COSTI
Il Quadro Economico del nuovo ospedale del Sud Salento come autorizzato dal Ministero ammonta complessivamente a € 142.000.000,00 di cui € 134.900.000,00 (pari al 95%) a carico dello Stato e € 7.100.000,00 a carico della Regione.

 

POSTI LETTO
Il nuovo Ospedale del Sud Salento avrà una dotazione di circa 380 posti letto così come indicato nel Documento Programmatico e nello studio di prefattibilità valutati dal Nucleo di valutazione investimenti pubblici.

 

Comporterà la riconversione degli ospedali di Scorrano  (207 posti letto da ultima programmazione) e Galatina (154 posti letto da ultima programmazione).

 

Sarà un ospedale intermedio di I livello, ai sensi del D.M. 70/2015.
TERRITORIO

 

Lo scenario è complesso, riguarda infatti un bacino d’utenza di 209mila abitanti, ricomprendente prioritariamente i quattro distretti sociosanitari di  Poggiardo, Maglie, Martano e Galatina.

 

La scelta del sito in cui collocare il nuovo Ospedale del Sud Salento deriva da una serie di valutazioni espresse anche in funzione di precedenti studi e, in ultimo, dall’individuazione avvenuta durante la riunione della conferenza dei servizi tenutasi il 28 marzo scorso presso il Dipartimento regionale Promozione della Salute.

 

DI COSA DISPORRÀ IL NUOVO OSPEDALE
In coerenza con il Piano di Riordino della rete ospedaliera, il nuovo Ospedale del Sud Salento disporrà di tutti i reparti previsti per un nosocomio di primo livello. Saranno presenti e disponibili in rete h. 24 i Servizi di Radiologia almeno con Tomografia assiale computerizzata (T.A.C.) ed Ecografia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale.

 

La struttura sarà anche dotata di letti di “Osservazione Breve Intensiva” e di letti per la Terapia Subintensiva (anche a carattere multidisciplinare).

 

Per le patologie complesse (traumi, cardiovascolari, ictus) saranno previste forme di consultazione, di trasferimento delle immagini e protocolli concordati di trasferimento dei pazienti presso il Centro di II livello.

 

LOCALIZZAZIONE
L’opera sarà realizzata in un sito di circa 12 ettari che ricade parzialmente nel territorio del Comune di Maglie (a Sud) e parzialmente nel territorio del Comune di Melpignano (a Nord). Posizionata tra la linea ferroviaria della metropolitana di superficie salentina (tratta Lecce-Maglie) e la SS.16 variante di Maglie, risulta di facile raggiungimento, anche in previsione delle nuove opere viarie progettate dall’ANAS già in corso di realizzazione.

 

La posizione lungo la direttrice Lecce –Maglie – Santa Maria di Leuca consentirà all’ospedale di servire in modo efficace tutti i comuni dei distretti sociosanitari di Maglie, Poggiardo e Martano e di interessare, per la sua accessibilità, anche molti Comuni dei distretti di Casarano, Gallipoli, Galatina e Nardò.

 

La scelta del sito, proposto dalla Conferenza dei Sindaci dell’ASL di Lecce tenutasi in data 11/07/2012, è stata formalizzata in sede di Conferenza dei servizi presso Il Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere sociale e dello sport per Tutti in data 28/03/2018, anche sulla scorta delle analisi comparative prodotte dal Dipartimento di Mobilità, Qualità Urbana, Opere Pubbliche, Ecologia e Paesaggio della Regione Puglia.

 

STATO DELL’ARTE E ITER
La Regione Puglia, dopo il parere tecnico favorevole del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti del Ministero della Salute, ha predisposto tutto quanto richiesto dal Ministero per la sottoscrizione dell’Accordo di Programma “a stralcio”, che è oramai imminente.

 

Entro ventiquattro mesi dalla sottoscrizione si dovrà presentare al Ministero la richiesta di ammissione al finanziamento per ciascuno dei 4 interventi, unitamente al progetto da porre a base di gara per l’affidamento dei lavori, approvato dalla stazione appaltante ASL di Lecce che ha già aggiudicato la “progettazione di fattibilità tecnica ed economica” (già progetto preliminare) del nuovo ospedale e a breve sarà sottoscritto il contratto con l’aggiudicatario.
Parallelamente è stata avviata la procedura di variante urbanistica per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio.

 

A tal fine sono in corso presso il “Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per tutti” riunioni tecniche coordinate da ASSET che consentiranno ai tecnici della ASL di Lecce e dei Comuni di Maglie e Melpignano di interfacciarsi con i referenti delle strutture regionali che dovranno intervenire nelle varie fasi dell’iter amministrativo-progettuale (variante urbanistica, procedimento di VAS e VIA, ecc.).

 

In particolare per la variante urbanistica si procederà al più presto mediante la sottoscrizione di un Accordo di Programma ai sensi dell’art. 34 del D. Lgs. 267/2000.
HOSPITALITY
Anche l’Ospedale del Sud Salento seguirà le Linee Guida Hospitality – L’accoglienza nelle strutture sanitarie pugliesi. Ricordiamo che è un progetto della Regione Puglia – Dipartimento Promozione della Salute realizzato dall’Agenzia Regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio (ASSET) in collaborazione con l’Agenzia Strategica Regionale per la Salute e il Sociale (ARESS).
Le Linee Guida offrono una innovativa visione integrata dei servizi di accoglienza per pazienti e utenti.

 

Definiscono un sistema identitario, comune e riconoscibile per gli ospedali, i PTA e la rete dei centri territoriali di assistenza (poliambulatori, consultori, centri vaccini etc), declinando soluzioni esecutive, sostenibili e specifiche per la Puglia.

 

Sono applicabili sia per il graduale adeguamento dei plessi preesistenti sia per la realizzazione di nuove strutture sanitarie.

 

Pilastri delle Linee Guida sono: il sistema identitario visivo, declinato e integrato con segnaletica, allestimenti e arredi, governance e formazione.