Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Nuovi ticket sanità: rischio stangata per i redditi medi

 

 

Sanità. Il Governo è intenzionato ad abolire il superticket, ossia la tassa fissa di 10 euro su visite ed esami. Al momento, in Italia, è prevalso il fai da te. Alcune Regioni lo applicano integralmente, altre in base al valore della ricetta o dei redditi, altre ancora non lo prevedono affatto. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha promesso il suo superamento, ma servono 490 milioni. Sarebbe il primo passo, secondo il ministro, per arrivare alla riforma dei ticket dai quali oggi lo Stato incassa 1,6 miliardi l’anno.

Un riordino teso a rimodulare gli esborsi dei cittadini in base al reddito. Dovendo tuttavia sempre assicurare 1,6 miliardi di gettito la rimodulazione porta con sé l’altissimo rischio di una stangata sulla classe media e media-alta: quella fatta da famiglie con redditi tra i 36mila e i 100mila euro. Si tratta del 20% di italiani che oggi si rivolgono al Ssn e che tolto il superticket potrebbero vedersene un altro, più salato.