Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Non va radiato il medico che fa l’assessore

Non va radiato il medico-assessore che ha contribuito a prendere una decisione sgradita all’Ordine.

A stabilirlo la Corte costituzionale. Era stata la Regione Emilia Romagna a sollevare il conflitto di attribuzioni nei confronti dell’Ordine dei medici di Bologna.

 

La Regione aveva impugnato la sanzione della radiazione dall’Albo, adottata dall’Ordine nei confronti di Sergio Venturi, medico e assessore regionale alle politiche per la salute, perché aveva proposto e contribuito ad approvare una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici. Atto evidentemente non gradito all’Ordine.

 

Per l’Ordine un medico, anche se diventato assessore, non può presentare in giunta una delibera che trasferisce competenze esclusive dai medici agli infermieri. Secondo la Consulta non spetta all’Ordine provinciale di Bologna adottare un provvedimento disciplinare nei confronti di un componente della Giunta regionale medico, per aver proposto e concorso ad approvare un atto politico-amministrativo regionale sgradito all’Ordine.