Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

L’Italia chiede più tempo alla Ue, Tria frena Salvini sulla flat tax

Salvini e Di Maio al Quirinale (combo)

Secondo l’agenzia Reuters l’Italia sarebbe orientata a chiedere alla Ue e di congelare la procedura d’infrazione fino all’autunno. Ma l’esecutivo di Bruxelles ha dalla sua parte, seppur con sfumature diverse, tutti gli altri governi della Ue. Dunque, non ci sarebbero nuove concessioni. D’altronde a dicembre il premier Conte prese impegni solenni sui conti del 2019 e del 2020.

Promesse non mantenute. A meno che l’Italia non prenda nuove iniziative concrete, le scadenze restano quelle delle prossime settimane fino alla decisione che arriverà alla riunione dell’Ecofin prevista per il 9 luglio. Al momento sembra che il dialogo tra il ministro Tria e il collega Salvini sia difficile. Il primo parla di deficit al 2,1%, l’altro di flat tax, senza chiarire dove reperire le coperture necessarie. A Palazzo Chigi si getta acqua sul fuoco. Sarebbe pronta la lettera di risposta alla Ue.