Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

I dubbi della Ue sulla crescita dell’Italia

La plastic tax e la stretta sul fringe benefit per l’uso privato di veicoli aziendali verranno cambiate. Occorre, però, trovare le coperture.

 

Oggi dovrebbero arrivare le previsioni economiche della Commissione europea.

 

Secondo indiscrezioni vedrebbero una revisione al ribasso della stima di crescita per l’Italia nel 2020. Il Pil dovrebbe infatti aumentare dello 0,4% contro la precedente stima dello 0,7%. Per la tassa sulle auto aziendali servono 332 milioni per il 2020.

 

L’idea allo studio è quella di rinviarla al 2021 e di limitarla alle vetture più inquinanti e di grossa cilindrata.

 

Per azzerare la tassa sulla plastica serve, invece, un miliardo di euro.

 

Si lavora alla riduzione iniziale del prelievo (al momento fissato in un euro al chilo), che salirebbe negli anni al fine di incentivare le imprese alla riconversione verso materiali biodegradabili. Non si esclude un rinvio della tassa.