Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Debito, Draghi avverte l’Italia, un piano credibile di rientro

Mario Draghi - Presidente Banca Centrale Europea

 

Il presidente della Bce Mario Draghi richiama il governo italiano alle sue responsabilità sul debito pubblico.

 

Serve ‘un piano di medio termine che sia credibile come le azioni che seguiranno per attuarlo’. Draghi dice la sua anche sui mini-Bot previsti come strumento a disposizione della Pa per pagare i fornitori: ‘O sono un’altra moneta e quindi illegali o sono altro debito. Non vedo una terza possibilità’.

 

E’ un generale richiamo alla realtà quello di Draghi anche se le condizioni di oggi non sono paragonabili a quelle di sette anni fa.

 

Certamente occorre essere preparati a possibili eventi avversi. ‘Le incertezze geopolitiche, la crescente minaccia del protezionismo e le vulnerabilità dei mercati emergenti, pesano ancora sulle prospettive di crescita dell’area euro’.

 

In caso di necessità la Bce è pronta ad agire con tutti i mezzi a disposizione.

 

La Bce terrà i tassi al minimo storico fino alla metà del 2020 e non più fino a dicembre.

 

A settembre partirà un nuovo prestito alle banche per sostenere l’economia dell’Eurozona, ancora debole.