Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Concluso l’incontro tra il  Comitato Spending Review del Servizio Sanitario Regionale e la delegazione A.F.O.R.P.

Comunicato Stampa

Apertura di una nuova fase, cambio culturale nel rispetto dei reciproci ruoli, condivisione di percorsi nelle consultazioni preliminari, suddivisione in lotti delle gare, un maggiore coinvolgimento degli stakeholders nelle fasi pre-competitive, nessuno ostacolo alla partecipazione alle piccole e medie imprese del territorio,  a conferma di quanto affermato, più volte, dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che non si distrugga il patrimonio produttivo del territorio, sono questi gli obiettivi raggiunti dall’utile  confronto tra il Comitato Spending Review del Servizio Sanitario Regionale e la delegazione A.F.O.R.P. guidata dal Presidente Giuseppe Marchitelli, convocato dal Direttore Dipartimento Promozione Salute, Giancarlo Ruscitti.

Il Dirigente della sezione Gestione Risorse Strumentali e Tecnologiche della Regione Puglia, Ing. Vito Bavaro, coordinatore dell’incontro in assenza del Direttore Ruscitti,  nella sua introduzione, si è soffermato sui motivi dell’odierno confronto. “La  riunione di oggi è in  linea con la rivitalizzazione del comitato Spending Review  di aprirsi all’esterno, di condividere un rapporto osmotico tra pubblica amministrazione e portatori di interesse, con  la programmazione della Regione Puglia in materia di acquisti e servizi in sanità, per comprendere quali sono i rapporti di trasparente collaborazione e le istanze che arrivano dal  mondo delle imprese”. In linea con quanto indicato nella relazione istruttoria della delibera di Giunta regionale n. 237/2018, il sistema di governance deve “aprirsi verso l’esterno” generando un circuito virtuoso di sinergie e relazioni che rendano osmotico il passaggio di informazioni, competenze e know-how tra interno ed esterno all’Amministrazione, prevedendo anche il coinvolgimento  degli stakeholders.

 

Il Presidente Marchitelli che ha riassunto gli iter legislativi in materia di appalti in continuità con le  linee operative e di programmazione, ha rimarcato l’interesse sociale di non essere scippati nel fare impresa del territorio, in quanto il mondo produttivo genera opportunità in termini  di ricerca, sviluppo, crescita economica e  lavoro, con piani di investimenti più in linea con il piano ospedaliero che  possano offrire migliori prestazioni al paziente. Marchitelli ha poi chiesto maggiore condivisione con le istanze che arrivano dal mondo delle imprese, per meglio rappresentare i bisogni del cittadino, con gare che rappresentano un valore e non uno spreco, monitoraggio sugli esiti competitivi, meno paletti alla libera partecipazione delle piccole imprese, riconoscimento del patrimonio di know-how degli imprenditori della sanità al servizio della Puglia.

 

I rappresentanti del Comitato: Vito Bavaro (Dirigente Sezione Gestione Risorse Strumentali e Tecnologiche),  Nicola Lopane (Dirigente Sezione Gestione Integrata Acquisti), Lorenzo Russo (AEPeL), Andrea Chiari (Direttore Amministrativo Asl Taranto), con i rispettivi interventi,  hanno ribadito la disponibilità ad una condivisione nelle fasi pre-competitive e di un salto di qualità sul piano culturale, nel rispetto del contratto degli appalti e delle regole della Pubblica amministrazione in materia di centralizzazione degli acquisti. Il Direttore Generale IRCCS Oncologico “Giovanni Paolo II”, Antonio Delvino ha invece rimarcato la necessità di una fase nuova sul piano metodologico e della programmazione.

 

Infine il Presidente A.F.O.R.P., Giuseppe Marchitelli, nel ringraziare il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il Direttore Dipartimento Promozione Salute Giancarlo Ruscitti e il Dirigente della sezione Gestione Risorse Strumentali e Tecnologiche della Regione Puglia, Vito Bavaro, per la opportunità offerta al mondo delle imprese, con la partecipazione al Comitato Spending Review, ha auspicato che l’audizione odierna, possa produrre un provvedimento della Giunta regionale, con il quale si coinvolgano, con modalità permanente, gli stakeholders nello stesso Comitato.