Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali

140

 

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato una circolare in merito all’obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali.

Il nuovo obbligo di comunicazione interessa i committenti che operano in qualità di imprenditori. Si aggiunga che la disposizione riguarda i lavoratori autonomi occasionali così come da definizione di cui all’art. 2222 c.c. ossia coloro i quali compiano un’opera o un servizio a fronte di un corrispettivo mediante lavoro proprio e senza vincolo di subordinazione verso il committente.

Nella fattispecie viene sancito che la Legge n. 215 del 2021, di conversione del DL n. 146/2021 ha introdotto dal 21 dicembre scorso un nuovo obbligo di comunicazione per svolgere attività di monitoraggio e evitare forme elusive nel ricorso ai lavoratori autonomi occasionali.

Ed infatti, l’avvio di tali categorie di lavoratori, è oggetto di comunicazione preventiva comunicazione all’Ispettorato territoriale competente per territorio tramite messaggio o posta elettronica con le modalità operative di cui all’art. 15, comma 3 del decreto legislativo 15.06.2015, n. 81. In caso di violazione, si applicherà la sanzione da 500 euro a 2.500 euro in relazione a ciascun lavoratore autonomo occasionale per cui la comunicazione sia stata omessa o ritardata.

Restano esclusi:

  • i rapporti di lavoro subordinati,
  • le collaborazioni coordinate e continuative,
  • I rapporti di cui all’art. 54-bis del D.L. n. 50/2017 rispetto a cui sono previsti specifici obblighi di comunicazione,
  • Le professioni intellettuali oggetto di specifica disciplina di cui all’art. 2229 c.c. e le attività autonome assoggettate al regime IVA,
  • I rapporti intermediati da piattaforma digitale comprese le attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente.

Per i rapporti di lavoro in essere alla data di emanazione della nota, nonché per i rapporti iniziati a decorrere dal 21.12.2021 e già cessati, la comunicazione si sarebbe dovuta effettuare entro i prossimi 7 giorni di calendario ossia entro il 18.01.2022.

Ricordiamo che l’obbligo di comunicazione avviene mediante sms o posta elettronica e comunque con le modalità di cui all’art. 15, del decreto legislativo 81/2015 già in uso. Nel mentre, la comunicazione  potrà essere inviata tramite mail ad uno specifico indirizzo messo a disposizione da ciascun ispettorato territoriale. Si tratta di un indirizzo ordinario pertanto sarà opportuno conservarsi una copia della comunicazione effettuata.

Nella comunicazione andranno indicati i dati del committente e del prestatore, il luogo della prestazione, la descrizione sintetica dell’attività, la data di inizio prestazione e il presumibile arco temporale entro cui si ritiene che l’opera si ultimi.

La comunicazione già trasmessa potrà essere annullata o modificata in qualunque momento antecedente all’inizio dell’attività del prestatore.

La Dott.ssa Rosanna Lacapra e Avv Eleonora Scurti restano a disposizione .

Comments are closed.