Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Assuntela Messina, chi è la sottosegretaria all’Innovazione e alla Transizione digitale – L’intervista del Corriere del Mezzogiorno

123

(Corriere del Mezzogiorno) – «Alla velocità va affiancato un tempo del pensare, la formazione di una coscienza critica». Così Assunta Carmela Messina, detta Assuntela, già docente di liceo, senatrice dal 2018, sponda Partito Democratico. E neo sottosegretaria al dicastero del ministro dell’Innovazione tecnologica e della Transizione digitale Vittorio Colao, che come capo di gabinetto ha scelto Stefano Firpo, più di sette anni al ministero dello Sviluppo economico fra il 2011 e il 2019.

La dichiarazione di Messina risale allo scorso dicembre, il contesto è un’audizione dell’allora ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, sull’accesso a Internet come diritto umano.

 

 

In una delle poche tracce in cui ci si imbatte a proposito della materia di cui si occuperà, la sottosegretaria ha sottolineato che la politica ha «una fortissima responsabilità e un impegno ancora più evidente» nei confronti «di un nuovo soggetto economico, una nuova classe sociale: i poveri digitali», quanti sono penalizzati dal digital divide (secondo i dati Istat del 2019, in Italia è il 23,8% delle famiglie a non avere un accesso a Internet a casa). L’annullamento del divario digitale, la cui urgenza si è acutizzata durante la pandemia, si può quindi annoverare fra le sue priorità.

L’altra, espressa nel corso dell’audizione, è quella di formare giovani e studenti, «ma non solo», affinché «al processo di acquisizione delle competenze» digitali venga affiancato il «mantenimento saldo di una coscienza critica che rispetto ai temi della velocità e della necessità di adeguamento merita un rispetto e una attenzione particolare. Alla velocità va affiancato un tempo del pensare». Formazione, dunque, che sia «globale, umana e umanistica».

Cos’altro? Restando nel perimetro del digitale, Messina è fra i cofirmatari di una proposta di legge datata 2019 — la prima firma è di Valeria Fedeli — per contrastare il fenomeno dell’istigazione all’odio sul web con l’introduzione di un nuovo reato penale e l’obbligo per le piattaforme di rimuovere i contenuti illeciti entro 24 ore (nel gennaio 2020 la ministra Pisano istituirà un gruppo di lavoro sul tema, qui le conclusioni).

Nata a Barletta nel 1964, laureata in Lettere, Messina è stata nominata presidente regionale del Partito democratico di Puglia nel 2016.

 

 

Pe rileggere l’intervista rilasciata al Giornalista Francesco Strippoli (Corriere del Mezzogiorno)

 

Cliccare sul link

 

http://www.aforp.org/riservata/trasparenza/delibere/2020/uploads/3c2d4_2021022647810976.pdf

Comments are closed.