Associazione Fornitori Ospedalieri Regione Puglia

Alleanza medici-infermieri per rilancio SSN e sicurezza operatori

 

 

Un modello di gestione orizzontale, dove i professionisti si assumano le loro responsabilità, secondo ruoli e competenze, per perseguire gli obiettivi di salute che essi stessi definiscono.

È questo il progetto comune a medici e infermieri, così come emerso dall’incontro appena avvenuto a Roma, presso la sede della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri tra i vertici della stessa Fnomceo e quelli della Fnopi, la Federazione degli Ordini delle Professioni Infermieristiche. Le due Federazioni insieme rappresentano oltre ottocentomila professionisti della salute, dei quali circa la metà lavora nel Servizio Sanitario Nazionale.

E una vera e propria alleanza medici-infermieri per difendere un SSN che rischia di avere problemi non solo occupazionali ma anche di carattere etico e morale – chi cura il cittadino? – è quella siglata oggi nell’incontro.

“Un grande cittadino ha bisogno di un grande medico e un grande infermiere, che lavorino in un grande sistema che non può essere quello attuale. – hanno affermato i rappresentanti delle due Federazioni, in piena sintonia di intenti -. Abbiamo la necessità che il sistema si ammoderni, cogliendo quelle che sono le evoluzioni delle professioni, comprese quelle sanitarie, e in particolare quelle infermieristiche”.

Anche gli infermieri sono quindi stati coinvolti nel processo di cambiamento che culminerà negli Stati Generali del 2019: il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, ha chiesto alla presidente della Fnopi, Barbara Mangiacavalli, il contributo degli infermieri per ridefinire i ruoli e i rapporti tra le due professioni.

Tra i temi comuni su cui lavorare, la sicurezza degli operatori sanitari, l’armonizzazione dei ruoli, un’iniziativa congiunta per la celebrazione dei quarant’anni del Sistema Sanitario Nazionale.